// stai leggendo...

Archivio Articoli

CARTOMANZIA GRATIS! Pericoli, rischi e inganni dietro la pubblicità dei consulti gratis.

Negli ultimi anni stanno sempre piu’ proliferando annunci di cartomanzia a basso, bassissimo costo se non addirittura gratis.

La ragione di tutto cio’ è dovuto alla conseguenza, nonché reazione, a un lungo periodo di speculazione in cui c’erano cartomanti che chiedevano cifre esose per consulti di qualche minuto. Questo dipendeva dal fatto che per tutti gli anni ottanta, e di li’ a vent’anni dopo, c’era una grossa richiesta e ricerca di cartomanti e gli operatori del settore erano pochi. Con la nascita delle linee a valore aggiunto (gli “899”), molte persone comodamente da casa si sono improvvisati cartomanti e hanno cosi’ trovato un modo agevole di guadagnare un po’ di danaro. Tutto questo ha comportato la crescita esponenziale di persone pronte a improvvisarsi cartomanti e a battere la concorrenza sulla competizione delle tariffe. Col passare degli anni, ancora piu’ persone scoprivano che frequentando un corso di Tarocchi (l’ho fatto anch’io per ben tre anni a fila, poi ho smesso quando mi sono accorto che, da esposizione illuminante e dettagliata sugli Arcani Maggiori la cosa era di colpo degenerata a corsi per “disoccupati in cerca di lavoro, un qualsiasilavoro, anche fare i cartomanti…”) o anche avendo la pazienza di leggersi l’opuscoletto incluso al mazzo di carte in vendita, potevano improvvisarsi cartomanti.

 

Che male c’è?…vuoi vedere che è ancora piu’ facile di quanto si pensi?…

Addirittura conobbi, svariati anni fa, un tale che organizzava corsi di Tarocchi nell’ambito di Feste Medievali e si improvvisava cartomante egli stesso per poi arrivare a confessare sfacciatamente davanti alla platea dell’allora “Maurizio Costanzo Show” “che, quando consultava i Tarocchi, aveva sempre bleffato inventandosi di sana pianta quello che trasmetteva ai suoi consultanti (eh, purtroppo quando si crede di essere diventati famosi, si finisce col perdere alquanta lucidità….!).

Con l’avvento di Internet tutto è diventato piu’ semplice: consulti via mail, via skype, via facebook, via twitter, via “dove vuoi tu” per arrivare addirittura al fenomeno oggi piu’ dilagante: LA CARTOMANZIA GRATIS…

C’è da precisare, pero’, per inciso, che ancora prima del dilagare di questo fenomeno, c’è sempre stata l’idea che per assicurare serietà, bontà d’animo, altruismo e tutte le virtu’ immaginabili ci fosse un elemento che garantiva tutto questo: il consulto è GRATIS……insomma il cartomante di turno, piu’ o meno improvvisatosi tale dall’oggi al domani, era una persona degna di fiducia “perché non chiede niente….non vuole soldi….non si fa pagare……è bravo perché non ne fa una questione di lucro…..” Accade cosi’, su questo simpatico pianeta, che si passi di decenni in decenni, da un opposto all’altro….negli anni 80 e gia’ con i primi 899 (all’epoca chiamati 166 o 144, ecc.), si spillavano quattrini ai poveri ignari alla ricerca di una soluzione dei propri guai perché l’obiettivo era sempre e comunque lo stesso: prima giro di carte (durata non superiore ai venti minuti…) pagato salatissimamente per far capire quanto bravo fosse l’operatore e contestualmente una bella diagnosi di “fattura-in-atto-che-fa-andare-tutto-male-e-farà-andare-sempre-peggio-fino-alla-catastrofe-finale…MA-…ma…-si-puo’-fare-qualcosa….” che automaticamente portava l’incauto e ignaro consultante a trovarsi rapinato di alcune decine di milioni di lire dell’epoca. Quasi sempre, se non SEMPRE, tutto questo veniva gestito da cartomanti che spendevano altre decine e decine di milioni di lire in circuiti di tv private…quello che si poteva permettere di spendere di piu’ chiedeva ovviamente di piu’, altri che arrancavano con meno chiedevano meno….

Come vedete, è molto facile in questo settore scivolare nel bieco marketing puro.

Tutto cio’ ha comportato grosse delusioni in persone che non solo conoscevano frustrazioni a livello economico, ma danni molto piu’ seri e devastanti a livello dell’Anima con fiducia persa e rassegnazione su tutti i fronti.

In conseguenza di tutto cio’ si è assistiti a un calo a picco di cartomanti televisivi e di giro di affari relativi a network televisivi, tant’è che quelle stesse persone che si atteggiavano a Grandi Imprenditori dell’Occulto oggi (almeno chi tra loro è sopravvissuto passando attraverso vicende giudiziarie e fallimenti esistenziali) chiedono qualche spicciolo perlomeno per avere la possibilità di ricordare i tempi d’oro quando contavano qualcosa nel sentirsi interpellati. Ma i tempi sono crudeli e cio’ che fu abusato chiede riparazione e cosi’ dal 2005 in poi (ma un sottobosco di “Gratuiti”, non so come chiamarli, lavorava in tal modo già da qualche anno) un esercito di cartomanti improvvisati, per la maggior parte giovani e giovanissimi, si offrono per essere consultati gratuitamente: gratis, tuttogratis e per di piu’ consulto immediato!… Laddove prima c’erano nomi di altisonanti maghi e maghesse con nomi storpiati dall’antico egitto e affini, oggi abbiamo una fila di anonimi Andrea-Cristina-Lorenzo-Licia-Fabio-Valerio-Ricky-Alessandro-Mery-ecc.ecc.

Si è in “tempi di crisi” e si lavora Gratis perché soldi non ce ne sono…

 

”Tempi di Crisi”…

Sto scrivendo questo articolo nel 2013 (a 53 anni) e da che ho facoltà di ricordare, (cioè da quando avevo 4, 5 anni), ho memoria che “in Italia c’è la Crisi….”. Su come i mass media stiano lavorando efficacemente per fare un lavaggio del cervello di massa sulla popolazione portandola al malcontento e alla negatività, parlero’ diffusamente in altro articolo.

Ma consideriamo adesso alcuni effetti non preventivati e non del tutto positivi del “consulto gratis”.

Ci sono coloro che si sentono gratificati nel proprio Ego da sentirsi missionari del Bene; trattasi di individui che alimentano sulla loro testa un’aureola artificiale credendo che il loro operare sia PURO perché assolutamente disinteressato al danaro. Piu’ realisticamente sono persone che hanno grossi problemi psicologici nel rapporto col danaro che, anziché considerarlo quello che effettivamente è (un mezzo e non certo il Fine!) se ne sentono perennemente tentati e soggiogati al punto da finire col rimuoverlo del tutto. In fondo li capisco: se mi metto a tremare appena vedo una banconota e non capisco e non voglio capirne il perché, tanto vale è meglio rifuggirne anche solo la vista declamando con aria ispirata “Ma io non voglio niente!!!…io non mi faccio pagare!…non voglio niente….!”

Ma siamo sicuri che non si voglia niente e non si riceva niente’?……..

Anzittutto, è risaputo che il “dare niente per senza niente” nella storia dell’umanità non è mai esistito, MAI.

Basta vedere per esempio il lavoro (certamente anche apprezzabile) dei missionari cattolici che laddove portavano in zone poverissime del Terzo Mondo cibo, vestiti, case e medicine, come contraccambio affiliavano proseliti a Santa Madre Chiesa battezzando e riempiendo le chiese di fedeli. Naturalmente non è sempre cosi’ e soprattutto oggi che il Cristianesimo diviene sempre meno religione di massa dal momento che la Religione Consumistica sta facendo proseliti in tutte le parti del pianeta e non conosce rivali. Ci sono missionari coraggiosi (un’esigua minoranza in verità) che fanno proprio il messaggio del Cristo di aiutare i bisognosi con amore puro e disinteressato, ma sottolineo il fatto che la merce di scambio anche in casi simili esiste sempre.

Se allora tutto questo è vero, che cosa passa come scambio al posto del danaro?…lo scambio infatti avviene COMUNQUE solo che uno non se ne accorge e crede di aver fatto un ottimo “affare” a non pagare il lavoro di qualcuno o addirittura di essere stato considerato degno di attenzione da qualcuno cosi’ tanto “superiore” da non contaminarsi col danaro.

CHE COSA PASSA COME SCAMBIO AL POSTO DEL DANARO?……..

Possiamo distinguere alcune tipologie:

1) se qualcuno mi offre qualcosa e non vuole niente in cambio e questo qualcosa perdipiu’ col tempo diventa per me importante e irrinunciabile, io dovro’ sentirmi non a disagio in questa strana forma di rapporto. Allora cerchero’ di “sdebitarmi” con offerte libere di danaro (molti vogliono arrivare a questo inventandosi la frottola che devolveranno tutto in beneficenza – cfr.: il mio articolo contenuto in questo sito sul caso della pranoterapeuta di Ferrara che lavorava con offerta “libera”….) oppure con favori di altro tipo come regali e affini. In questo caso l’ego del cartomante che non vuole soldi si assimila automaticamente a quello del guru religioso che fa proseliti intorno a sé stesso.

2) se chi mi sciorina una serie infinita di fesserie condite da irrisolti personali e rancori soggettivi nonchè consigli non richiesti (anche questi molto GRATUITI…) su come mi devo o non mi devo comportare, io non posso mandarlo al diavolo, devo essere gentile con lui visto che lui è cosi’ gentile con me dedicandomi un paio di ore del suo tempo gratuitamente. Quindi debbo ingurgitare “obtorto collo” tutta una serie di assurdità sulle quali non sono affatto d’accordo perché sono anche del tutto inverosimili e non muovere alcuna critica se non voglio passare da subdolo ingrato.
E qui avviene il primo grande danno serio: tutto cio’ che ho sentito dal cartomante scenderà, a mia insaputa, dentro di me e, al momento opportuno, verrà fuori aggiungendo dolore al Dolore. E’ il caso di molte donne cartomanti di una certa età (condannate, dopo anni di fallimenti esistenziali, a una solitudine forzata) che cominciano a sparare (sempre GRATIS, s’intende) giudizi a raffica sulla vita sentimentale dell’ignara malcapitata che si sente dire che il proprio compagno la tradisce con tutte (magari non è vero, ma è gratis),che sarà abbandonata per un’altra donna e la loro storia finirà presto (magari non è vero, ma è gratis), che incontrerà un uomo giovane bello e ricco con cui si sposerà e farà tre figli (magari non è vero, ma è gratis), ecc. ecc.

3) accade che il cartomante di turno magari azzecchi, e azzecchi bene, 2 o 3 cose che il consultante non gli ha detto (cio’ non ha nulla di sensazionale perché cosi’ deve essere se si svolge la divinazione nel modo corretto) e arrivi al punto che gli sta a cuore e che giustifica il perché ha svolto il suo lavoro “gratis”: “bisogna fare qualcosa, bisogna annullare queste forze negative, questo malocchio, questa fattura, ecc. se non si vuole finire ancora peggio”.

Eccolo là, uscito dal cappello del prestigiatore, con un trucco consumato fino all’inverosimile, il motivo del consulto gratis.

Devo aggiungere che questo è stato per lungo lungo tempo il sistema per lucrare effettivamente sugli ignari che si rivolgevano all’operatore esoterico di turno. Io chiedo un consulto per essere illuminato sull’oscura situazione, per esempio sentimentale, che mi affligge e invece mi sento dire che sono vittima di un maleficio e, che se non intervengo subito, potrei rischiare che qualcuno dei miei cari perda la vita in circostanze drammatiche. Questo è stato il sistema vincente di non so quanti delinquenti dell’occulto; erano abili nell’inquadrare la situazione del consultato e poi passavano al terrorismo puro con richiesta di riscatto a suon di danaro….e CHE danaro….!!!!! Cifre iperboliche…..e meno male che il consulto era “gratis”, almeno qualcosina si è risparmiato!…

Oggi questo sistema è andato un bel po’ in pensione perché la gente si è stufata e ha capito che si tratta di un trucco criminale, eppure qualcuno ancora la spunta. Recentemente una signora che mi richiedeva un consulto gratuito e a cui spiegavo i rischi (questo preciso rischio che sto descrivendo) della “cartomanzia gratis”, mi dava ragione e mi spiegava, tra le lacrime, che era angosciata dal fatto di aver fatto un consulto gratis e si era sentita dire alcune cose vere (che ovviamente il cartomante non poteva sapere) con la richiesta di cui sopra dal momento che i suoi due figli erano in pericolo di vita e sarebbero morti entrambi in un incidente stradale se……se non fosse immediatamente intervenuta con dei rituali (a PAGAMENTO, è ovvio…se il consulto è gratis, tutto il resto è a pagamento) per scongiurare la catastrofe oramai certa.

 

4) infine c’è la tipologia del soggetto alla ricerca di tutto-cio’-che-è-gratis-non-importa-cosa-purchè-sia-GRATIS. Per esempio ho visto in tv un tale che aveva raccolto tanti di quei coupon di prova o assaggio da essere riuscito ad accumulare una stanza piena di oggetti acquistati con la “prova omaggio”. Si tratta piu’ precisamente di una COMPULSIONE (che arriva spesso fino a trasformarsi in monomania) a sgraffignare qualsiasi cosa purchè gratis. Un corollario di questa tipologia di soggetti sono coloro i quali non si perdono un’inaugurazione di un evento o locale per fare man bassa al buffet del rinfresco. Tali soggetti non sono nemmeno interessati al consulto di cartomanzia, salvo facendo domande alquanto generiche tipo “trovero’ l’amore?….”, “avro’ un po’ di fortuna nella vita?…”, ma al fatto di sentirsi furbi nello scroccare consulti a destra e a manca.

A tale riguardo, e lo dico a mo’ di confessione, io stesso per tutta l’estate del 2012 venni in soccorso all’Italia in crisi pubblicizzando consulti gratuiti; essendo, come sempre, alquanto oberato di lavoro da trent’anni a questa parte, limitai il tempo del consulto gratis a 15 minuti.

Mi chiamo’ il mondo intero…

Per ragioni di correttezza e di rispetto nella regola che avevo stabilito, mi prendevo la briga, alla fine di ogni consulto, di rinominare il numero telefonico del consultante (laddove visibile) col suo nome, poiché la “promozione” prevedeva che solo quei 15 minuti fossero gratuiti e per una sola volta, dopodichè si passava al consulto regolarmente pagato.

Assistetti ai seguenti fenomeni:
-) molte persone richiamavano dimenticandosi, o dicendo di essersi dimenticati, di avermi già chiamato;
–) alcuni non rispettavano l’orario che fissavo loro per potermi richiamare per il consulto gratuito, dal momento che destinavo una parte della giornata esattamente per questo scopo “missionario” (il nome in codice della mia missione era: “aiutiamo l’Italia in crisi con i consulti gratuiti perché soldi non ce ne sono!…”). Molti pretendevano un LORO orario, stabilito sulle loro tempistiche e sui loro impegni della giornata, alcuni rinunciavano al consulto perché credevano che dovessi essere io a chiamarli (effettivamente…. che razza di consulto gratuito è, se devo pagarmi anche il costo della telefonata??!!!…)
—) la maggior parte mi ringraziava facendomi sperticati elogi su come trattavo la cartomanzia e su come fossi corretto nel non dare giudizi, nel non fare ingerenze di nessun tipo nella loro vita rispettando in pieno la loro individualità e la loro persona, sulla mia professionalità dovuta al fatto di essere da sempre vero dottore in psicologia e mi assicuravano che mi avrebbero senz’altro consultato di li’ a breve, se non addirittura in giornata.

TUTTI mi garantivano che mi avrebbero richiamato per un consulto a pagamento…..

 NESSUNO DI LORO MI HA MAI PIU’ RICHIAMATO e mi sto riferendo a qualcosa come circa trecento consulti gratuiti nell’arco di quasi 4 mesi…..

In questo senso credo di essere stato complice e responsabile nell’aver tentato quasi trecento persone a dare il peggio di sé facendole diventare affamati scrocconi di un lavoro non retribuito.

A molti di loro che RI-chiedevano sfacciatamente un altro consulto gratis (e poi “certamente” avrebbero fatto quello a pagamento) io obiettavo che non potevo accontentarli per una questione di tempo e chiedevo loro se si sarebbero sentiti bene a “lavorare gratis”…cosi’ accadeva che, dopo gli sperticati elogi, mi sentivo dire che ero un egoista, uno interessato solo al danaro, completamente insensibile al dolore della gente che soffre nell’Italia della crisi, ecc..

Cosi’ ho deciso con questo lungo articolo di chiedere scusa per aver fatto consulti gratis anch’io e che, prometto, non saro’ mai piu’ tentato di farne altri gratuiti, mai piu’.

Con coloro che, in questi trent’anni, hanno regolarmente pagato il consulto questo tipo di problemi non sono mai accaduti.

Chiedo scusa a quei quasi trecento a cui ho fatto i consulti gratuiti.

Spero che accettino le mie scuse

Galleria fotografica

mg_3494 mg_3501 mg_3504 mg_3505 mg_3512 mg_3514 mg_3518 mg_3526